La storia della Pasticceria Poldo

Le origini

La storia della nostra azienda affonda le radici nel lontano 1894, quando il piccolo Giovanni Battista Leopoldo Crocco, all'età di soli otto anni, accompagnato dal fratello maggiore Lorenzo, lasciò Ovada per intraprendere il mestiere di pasticcere presso la ditta dei fratelli Francesco ed Elio Besagno, figli di Baciccia.

Il "giovane Crocco"

Il carattere forte e la determinazione di "Poldino", così chiamato dagli amici fece si che la guerra, i sacrifici e glisforzi che si trovò ad affrontare, non sciupassero la sua passione per l'arte dolciaria. 

Al contrario, lavorando nelle migliori industrie dolciarie di Genova, il giovane Crocco ebbe modo di accrescere la propria esperienza.

Nasce la ditta Bianchi e Crocco

Attorno all'anno 1928, da poco sposatosi alla giovane Maria, Leopoldo, con il fratello Lorenzo e ai fratelli Luigi e Santino Bianchi, fondò la ditta "Bianchi e Crocco", accettando la proposta del signor Besagno, che ormai anziano gli offrì di rilevare la propria azienda.

Il trasferimento in via Meirana

La ditta "Bianchi e Crocco" si trasferì al numero 2 rosso di via Meirana, spostando così i magazzini nell'attuale sede finché, nel 1936, si ebbe un'ulteriore mutamento societario con la cessazione dell'attività da parte dei fratelli Bianchi.

La separazione dei fratelli Crocco

Nel 1948 anche i fratelli Crocco decisero di separarsi, per cui G. B. Leopoldo Crocco si trasferì nuovamente nell'antica drogheria Besagno e Lorenzo rimase nei locali adiacenti, sino al 1966, quando anch'egli abbandonò l'attività.

Nasce la Pasticceria Poldo

La "Pasticceria Poldo" ebbe così origine al principio del secolo scorso, anche se giuridicamente prese avvio solo nel 1948 sotto la conduzione di Leopoldo e successivamente del figlio Vincenzo Luciano Crocco, a sua moglie Mariarosa e al figlio Francesco che ancora oggi mantengono viva la tradizione dolciaria Ligure.

Loading...